Il battistero degli ortodossi

Il Battistero Neoniano, anche detto degli Ortodossi ha origini antichissime, risalendo alla fine IV sec. massimo all’inizio del V sec.

Secondo la storia è stato voluto dal Vescovo Orso, parallelamente alla cattedrale, la quale fu poi abbattuta nel 1733-34 per la costruzione dell’attuale Duomo settecentesco. Evidente dunque è che il Battistero sia attualmente l’unica parte ancora in vita del complesso originario.

Il Battistero viene detto pure “Neoniano” in quanto il Vescovo Neone, successore di Orso, ne commissionò alcune modifiche inerenti soprattutto alla parte interna. Volle infatti che la cupola fosse decorata a mosaico mentre gli intarsi policromi furono inseriti nella parte inferiore. Continua a leggere

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Il marketing del ventunesimo secolo

Al giorno d’oggi il marketing si muove in modi assai differenti rispetto al passato. Esso nasce, cresce e si evolve non più solamente tra le aziende, nelle società e negli uffici. Il marketing si muove rapidamente anche (e soprattutto) sul web. Incredibile a dirsi, soprattutto se si tiene conto che le aziende che oggi hanno maggiore successo sul web sono quelle che un tempo nemmeno consideravano Internet come una straordinaria opportunità di crescita. Continua a leggere

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Il raviolo caprese secondo J-MOMO

La pasta di J-MOMO rispetta la tradizione, e si nota nella pasta che produce. Il raviolo caprese di J-MOMO viene realizzato interamente a mano con gli stessi ingredienti e con le stesse materie prime utilizzate dalla anziana signora che lo inventò ai primi del 900. Farina di semola, acqua, caciotta fresca, ricotta e maggiorana. Continua a leggere

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Senup: recensione della crema per aumentare il seno di Bioness

La crema per il seno Senup, prodotta e commercializzata da Bioness è stata progettata e creata per aiutare le donne che hanno il seno piccolo e vogliono migliorare la qualità dei propri seni. Riuscire a riempire dei reggiseni con due o tre taglie in più senza ricorrere all’uso della chirurgia al seno, è il sogno di tantissime donne. Ma capiamo se e quando la crema per il seno Senup può realmente funzionare aumentando il seno delle donne che applicano la crema sul proprio corpo.

Oltre alle recensioni delle donne che acquistano Senup sul web, non ci sono prove scientifiche che per ogni donna questa crema effettivamente possa portare a vantaggi come un effetto push-up. Come rivenditore di Senup una volta mi è capitato di ricevere un ordine da una donna che mi disse chiaramente che a indicarle di acquistarla fu il proprio senologo. Non so per quale problematica il senologo suggerì alla donna di acquistare la crema, ma di certo avrà visto che uno o più ingredienti naturali compresi nella formula di Senup avrebbero potuto giovare alla paziente.

Ho registrato anche diversi casi di donne che hanno acquistato e massaggiato i propri seni con la speranza di vederli rinvigoriti durante l’allattamento. Molte di loro mi hanno informato che la crema per aumentare il seno Senup in realtà nella loro condizione non ha funzionato.

Quali sono gli ingredienti della crema Senup?

  • Acqua
  • Olio di Germe di Triticum Vulgare
  • Olio di oliva
  • Amido idrossietilico
  • acrilicato di sodio
  • Gomma di xantano
  • polimero acrilico Acryloyldimethyl taurate copolymer
  • l’estratto di gliceride glabra
  • l’olio di Finocchio
  • l’estratto di polvere di pueraria lobata (dalla pianta Kudzu)
  • l’olio di semi di Anice comune
  • l’olio di Jojoba
  • glicerina
  • fenossietanolo
  • isoesadecano
  • Carbopol
  • polisorbato 60
  • etilesilglicerina
  • Sorbitan isostearato
  • limonene
  • d-limonene
  • linalolo

E’ giusto provare ad aumentare le dimensioni del seno con Senup?

Se non ci si trova difronte ad una situazione di problematiche gravi che richiedono l’intervento chirurgico, ma si vuole solo dare una rassodata al proprio seno, fare in modo che si possa esibire un bel decoltè semplicemente grazie ad un opera di riempimento, allora è il caso di provarla. Se invece si crede che Senup debba essere acquistata perché funziona in modo sicuro e consente di verificare in tutte le donne un aumento di 2 o 3 taglie del seno, allora è il caso di considerare il fatto che in alcuni casi la crema per aumentare il seno Senup potrebbe deludere. Tutto dipende dalle vostre aspettative insomma…

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Come fare trading on line

Come fare trading online? Questa è una delle frasi più ricercate sui motori di ricerca per chi si affaccia da principiante sui portali dove sviluppare una propria attività di trading on line.
Il trading online è uno strumento molto interessante per investire in maniera autonoma i propri risparmi, proprio per questo motivo è necessaria una preparazione di livello professionale per non incappare in errori che potrebbero sgretolare il patrimonio non in poche settimane bensì giorni. Una carriera di successo nel trading online esige una accurata fase di studio sia degli strumenti ma molto più importante è la scelta del portale. Nel momento in cui ci si impegna a investire soldi, ogni scelta diviene delicata ed è giusto ponderare bene sul da farsi, a iniziare della scelta della piattaforma e degli strumenti finanziari utillizzati.

Come fare trading online, i passi da fare

La prima e più consapevole scelta di successo da parte di un principiante che si affaccia al trading è non avere fretta. Molti trader improvvisati infatti bruciano tutto il patrimonio di investimenti a disposizione nel primo anno di attività, perché hanno avuto fretta, non hanno scelto le piattaforme che più si adattavano al loro livello di conoscenza, con il risultato che hanno finito i soldi a disposizione prima di essere davvero capaci.

Il primo passo da fare è stabilire che la prima e indiscutibile regola per diventare professionista è studiare tutti i giorni, poiché la fase di formazione professionale è la più importante. Nei mercati finanziari il rischio di perdere “tutto e subito” è altissimo, fatto che comporterebbe una crisi profonda del futuro trader. Acquisire conoscenze teoriche, tecniche e degli strumenti a diviene fondamentale per il successo dell’attività.

La seconda fase da attuare, dopo aver studiato la teoria in modo approfondito, è studiare i mercati, ovvero comprendere come fluttuano i mercati finanziari e l’evolversi continuo della situazione. In questa fase potrebbe essere d’aiuto affiancarsi e vedere come opera e con quale ritmo un trader di livello avanzato.

Il terzo passo da compiere, quando ormai abbiamo una conoscenza della teoria e abbiamo visto come viene applicata anche in situazione di stress e incertezza è iscriversi a un conto demo. Questa tipologia di conto, disponibile su quasi tutte le piattaforme di trading, ci catapulterà nella realtà del trading operando con soldi finti, quindi senza il rischio di vedere scomparire il capitale a causa di errori.

La fase più importante è l’ultima, quella dell’investimento. Dopo che abbiamo capito come fare trading online in maniera corretta con un conto demo, possiamo affacciarci al mercato vero con determinazione e sicurezza, scegliendo la giusta piattaforma, uno strumento che abbiamo studiato e conosciamo perfettamente e la giusta dose di spregiudicatezza e determinazione.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

StanleyBet Mobile, pregi e difetti della nuova versione

Anche StanleyBet ha deciso di puntare con forza sulla versione mobile, ormai diventata irrinunciabile per ogni piattaforma che voglia conquistare e detenere importanti fette di mercato. La nuova app di Stanleybet per Android e Iphone, con la nuova versione 1.0.2 rilasciata alla metà di maggio, ha fatto un ulteriore passo in direzione degli scommettitori, ricevendo un’accoglienza lusinghiera dagli addetti ai lavori.

La nuova app presenta una serie di caratteristiche che la differenziano in maniera notevole nei confronti della versione mobile presente sul sito del bookie, andando a compensare per tale via la mancanza di una versione responsive rivolta agli smartphone. 
Chi vuole procedere a scaricare le due versioni della app di StanleyBet, può farlo collegandosi al sito del bookmaker inglese. Se il software iOS è compatibile con iPhone, iPad e gli altri dispositivi Apple, l’app Android è a sua volta ottimizzata al fine di poter girare senza problemi sui dispositivi prodotti da marchi come Samsung, Htc, Asus e Sony.

Naturalmente oltre alle modalità di gioco che distinguono la piattaforma madre è possibile godere di altri servizi di ottimo livello, a partire dagli aggiornamenti dei risultati degli incontri in corso di svolgimento, grazie al Live Match Tracker.

StanleyBet Mobile si propone naturalmente come il miglior viatico alla possibilità di giocare quando si vuole anche stando fuori di casa e quindi lontani dal proprio personal computer. Come tutte le app proposte dalle varie piattaforme, ha molti pregi e anche qualche difetto da tenere in considerazione. 
Tra i primi va rimarcata la estrema fluidità che distingue ogni singola operazione, tanto da dar luogo ad un vero e proprio paradosso, ovvero una velocità addirittura maggiore rispetto a quella garantita dal sito di StanleyBet.

Anche la chiarezza del quadro contribuisce a rendere estremamente facile orientarsi tra le varie opzioni, con una confezione estetica studiata in modo da risultare leggera alla vista e quindi tale da non affaticare l’occhio. 
Tra I difetti più vistosi dell’app Stanleybet, vanno invece rimarcate alcune lacune proprio nei confronti della piattaforma online, partendo dall’impossibilità di dare vita alla registrazione direttamente dall’app. Altro difetto che penalizza la valutazione finale della app di Stanleybet, è la pratica impossibilità di visionare le promozioni attive. Piccoli difetti di gioventù che potrebbero naturalmente essere cancellati con il tempo, rendendo ancora più pregevole la versione mobile di StanleyBet.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Rimedi naturali contro la cellulite

Chi soffre di cellulite lo sa: solo il ricorso periodico ai metodi per combatterla permette di allontanare quello disturbo, nemico soprattutto delle donne. In effetti spesso è una certa predisposizione ereditaria che porta a soffrire di cellulite, cosa contro cui si deve combattere per tutta la vita. Per farlo in modo naturale è anche possibile integrare la dieta con sostanze naturali, facili da reperire e da utilizzare.

Il succo di cedro
Forse non tutti lo sanno, ma contro la cellulite si può usare il succo di cedro. Questo frutto è un agrume, che viene coltivato in alcune zone del sud Italia, soprattutto Sicilia e Puglia. I frutti sono grandi,. Con una scorza spessa e poca polpa dolce e aromatica. Il cedro si può consumare a fette, o si può anche preparare un salutare succo, da assumere possibilmente senza zucchero aggiunto. Si può preparare con il cedro anche una saporita insalata, utilizzando il frutto intero, sia polpa che buccia, affettato finemente con un coltello, da mescolare a songino, pomodori e basilico, una spruzzata di olio extra vergine d’oliva rende la ricetta ancora più saporita. Il cedro contiene moltissima vitamina C, più altre vitamine e sostanze antiossidanti, che stimolano la diuresi ed il transito intestinale.

L’ananas
Anche l’ananas è un alleato per chi deve cercare di mantenere uno stile di vita sano. All’interno del frutto, soprattutto nel gambo, è contenuto un enzima che aiuta la digestione e stimola la microcircolazione, il cui mal funzionamento spesso contribuisce a favorire la presenza della cellulite più ostinata e profondamente radicata all’interno del derma.

I Mirtilli
I mirtilli sono piccoli frutti molto preziosi per l’alimentazione umana. In qualsiasi specie di mirtillo, nero, rosso, viola, americano, europeo, si trovano in grande quantità gli antociani, dei pigmenti che funzionano da antiossidanti per l’organismo; queste sostanze sono anche molto utili per stimolare il microcircolo e per questo sono benefiche contro la cellulite, ma anche contro altri tipi di disturbi legati alla circolazione sanguigna, come ad esempio le emorroidi o le vene varicose.

La salute dalla frutta fresca
Purtroppo buona parte delle sostanze benefiche presenti nella frutta sono quasi totalmente degradate dal calore. Per questo motivo quando si suggerisce di mangiare il cedro o i mirtilli si intendono i frutti freschi, colti da poco, senza additivi di alcun genere. Sostituire i frutti con le rispettive marmellate o succhi industriali non apporta gli stessi benefici, perché i frutti subiscono in questi casi la cottura, che ne degrada quasi completamente buona parte dei principi attivi presenti.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Il Turismo Sostenibile e la Città Partenopea

Il tema del turismo definito come sostenibile, ovvero a basso impatto sull’ambiente, sta molto a cuore al Comune di Napoli tanto che sul sito dello stesso si possono leggere parole che incentivano ad un turismo che rispetti l’ambiente e in esteso anche l’essere umano in quanto parte integrante dello stesso. Oggi però il turismo sostenibile è qualcosa che viene incentivato da moltissimi comuni a partire dal Sud Italia per arrivare fino al Nord perché tale tematica è grandemente sentita visti gli sconvolgimenti climatici che la storia ci consegna e che in buona parte sono dipesi da un tipo di sviluppo che ha trattato la natura come un deposito.
Se si decide di fare un escursus sul tema si scoprirà che navigando in rete blog e siti che trattano di questo argomento e in generale dell’eco-sostenibilità anche non connessa al turismo, sono davvero molti. Ma a fare la parte del leone nelle tematiche ambientaliste e dell’eco-sostenibilità sono certamente i gestori di blog che sia su wordpress sia su blogger, criticano, discutono, fanno domande, rispondono, esprimono opinioni sul tema del turismo sostenibile e sulla sostenibilità ambientale in generale. Ovviamente sono poi i sindaci e i le Regioni a dover compiere azioni – assieme a tutta la popolazione – che evitino consumo di territorio, inquinamento e molte altre cose al fine di poter perseguire l’obiettivo di amare la nostra terra, nutrendola e consentendoci di ristabilire con essa un rapporto che non la offenda, proponendo e mettendo in piedi anche iniziative – perché no? – sul piano turistico specie ora che l’estate è nel pieno e che molte persone si preparano a partire per le vacanze e scegliere uno dei tanti B&b di Napoli centro storico.
Napoli certamente ci mette del suo, lo si legge anche nei percorsi che il Comune stesso consiglia e promuove, quindi se avete scelto tale città per le vostre vacanze date un occhiata anche al sito del Comune.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Come far passare la febbre

A chi non è capitato di avere la febbre? Da bambini o da adulti, purtroppo può succedere che si manifesti un aumento della temperatura corporea, causato da vari fattori e non è sempre necessario ricorrere al medico, ovviamente nei casi meno gravi.

Come far passare la febbre? Ecco dei semplici consigli.

La febbre è un sintomo che si può curare con cautela per cercare di non impedire al sistema immunitario di eseguire il proprio lavoro, e non in tutti i casi per abbassare la febbre è necessario l’assunzione di farmaci.

Ecco come far passare la febbre seguendo un’alimentazione corretta.

E’ saputo che quando si ha la febbre si possa avere inappetenza, quindi è consigliabile ascoltare il proprio corpo, senza però smettere di mangiare, assumendo cibi facilmente digeribili.

E’ bene coprirsi per far passare la febbre?

Solitamente si crede che per far passare la febbre velocemente sia consigliabile coprirsi molto. In realtà è preferibile che circoli più aria vicino al corpo e sulla pelle sudata e maggiormente efficace risulterà il processo di raffreddamento per evaporazione. Per questo avviene la sudorazione, la pelle ed i vasi sanguigni che stanno in superficie vanno a raffreddarsi quando l’aria nell’ambiente va a fare evaporare l’umidità. Quindi se si ci siede davanti ad un ventilatore non azionato ad un’elevata velocità, si accelera tale processo, si riduce così la febbre.

L’importanza di un’adeguata idratazione per far passare la febbre

Per evitare di perdere i liquidi occorre avere una buona idratazione, è consigliabile quindi, bere tanta acqua.

E’ altresì importante essere paziente e controllare in modo periodico la temperatura, in generale la febbre tende a sparire entro due o tre giorni. Occorre avere pazienza quando è lieve oppure moderata per pochi giorni ed è consigliabile misurare la temperatura ogni 2 o 3 ore in modo da assicurarsi che non salga eccessivamente.

Fare bagno o doccia fredda.

In caso di febbre per far diminuire la temperatura del corpo è consigliabile fare un bagno o una doccia con acqua tiepida o fresca per circa 10-15 minuti.

In alternativa è bene prendere una spugna o un panno pulito, immersi nell’acqua fresca, strizzarli per eliminare il liquido eccessivo e applicalo sulla fronte come un impacco. Eseguire questa operazione ogni venti minuti fino a quando la febbre non sarà abbassata.

Infine un’altra opzione consigliabile è quella di fare degli spruzzi di acqua fresca distillata direttamente sul corpo ogni mezz’ora circa per abbassare la febbre. I migliori risultati si ottengono in particolare bagnando il viso, il collo ed anche la parte superiore del petto.

In caso di febbre quindi, è possibile con piccoli accorgimenti far cessare questo sintomo, senza ricorre a farmaci, qualora non ci si trovi in gravi casi di salute.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Andrea Damante: una scelta sempre più vicina

Mentre le fan contano sulle dita di una mano le pochissime puntate che le separano dalla scelta di Andrea nel trono classico, il ragazzo si lascia andare a un’intervista esclusiva al settimanale Visto, in cui rivela molto di sé e della sua possibile scelta. Andrea ammette di desiderare con forza l’inizio di una vita di coppia seria, poiché da molto tempo è ormai costretto alla solitudine. La sua difficoltà, stando alle sue parole, starebbe nella timidezza e nell’impaccio che prova ogni volta che il suo cuore batte per qualcuna.
Proprio questi sentimenti si frappongono tra lui e la conquista della persona del cuore. Nel frattempo lo studio di Maria De Filippi si fa sempre più infuocato e l’atmosfera si accende tra le corteggiatrici che sono ben consapevoli dell’avvicinarsi della scelta di Andrea. Tuttavia le ragazze adottano tecniche diverse. Giulia, incalzata da alcune domande di Maria, ammette che, nel caso in cui Andrea la dovesse scegliere, la sua risposta sarebbe comunque affermativa, nonostante gli accadimenti delle ultime puntate.
A sua volta Laura, posta di fronte alla stessa domanda, risponde che direbbe sì ad Andrea ma ammette di non essere innamorata di lui. Questa risposta spiazza tutti, in primis Andrea, che aveva dato a tutti la sensazione di essere davvero vicino a una scelta nei suoi confronti. Forse Laura si è spaventata, forse non è sicura della scelta di Andrea o forse la sua è semplicemente una tattica per attirare ancora più a sé il ragazzo.
Quel che è certo è che a pochissime puntate dalla scelta, tutte le soluzioni sono ancora possibili e che i piani sono tutti completamente scombinati. Andrea è alla ricerca una donna che gli tenga testa e che lo segua alla sua stessa velocità, forse non è un uomo disposto ad accettare i tentennamenti eccessivi, o forse invece sarà proprio questa schiettezza a farlo cedere? Staremo a vedere!
Fonte: http://anticipazioni.org/uomini-e-donne

Pubblicato in blog | Lascia un commento