Rimedi naturali contro la cellulite

Chi soffre di cellulite lo sa: solo il ricorso periodico ai metodi per combatterla permette di allontanare quello disturbo, nemico soprattutto delle donne. In effetti spesso è una certa predisposizione ereditaria che porta a soffrire di cellulite, cosa contro cui si deve combattere per tutta la vita. Per farlo in modo naturale è anche possibile integrare la dieta con sostanze naturali, facili da reperire e da utilizzare.

Il succo di cedro
Forse non tutti lo sanno, ma contro la cellulite si può usare il succo di cedro. Questo frutto è un agrume, che viene coltivato in alcune zone del sud Italia, soprattutto Sicilia e Puglia. I frutti sono grandi,. Con una scorza spessa e poca polpa dolce e aromatica. Il cedro si può consumare a fette, o si può anche preparare un salutare succo, da assumere possibilmente senza zucchero aggiunto. Si può preparare con il cedro anche una saporita insalata, utilizzando il frutto intero, sia polpa che buccia, affettato finemente con un coltello, da mescolare a songino, pomodori e basilico, una spruzzata di olio extra vergine d’oliva rende la ricetta ancora più saporita. Il cedro contiene moltissima vitamina C, più altre vitamine e sostanze antiossidanti, che stimolano la diuresi ed il transito intestinale.

L’ananas
Anche l’ananas è un alleato per chi deve cercare di mantenere uno stile di vita sano. All’interno del frutto, soprattutto nel gambo, è contenuto un enzima che aiuta la digestione e stimola la microcircolazione, il cui mal funzionamento spesso contribuisce a favorire la presenza della cellulite più ostinata e profondamente radicata all’interno del derma.

I Mirtilli
I mirtilli sono piccoli frutti molto preziosi per l’alimentazione umana. In qualsiasi specie di mirtillo, nero, rosso, viola, americano, europeo, si trovano in grande quantità gli antociani, dei pigmenti che funzionano da antiossidanti per l’organismo; queste sostanze sono anche molto utili per stimolare il microcircolo e per questo sono benefiche contro la cellulite, ma anche contro altri tipi di disturbi legati alla circolazione sanguigna, come ad esempio le emorroidi o le vene varicose.

La salute dalla frutta fresca
Purtroppo buona parte delle sostanze benefiche presenti nella frutta sono quasi totalmente degradate dal calore. Per questo motivo quando si suggerisce di mangiare il cedro o i mirtilli si intendono i frutti freschi, colti da poco, senza additivi di alcun genere. Sostituire i frutti con le rispettive marmellate o succhi industriali non apporta gli stessi benefici, perché i frutti subiscono in questi casi la cottura, che ne degrada quasi completamente buona parte dei principi attivi presenti.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Il Turismo Sostenibile e la Città Partenopea

Il tema del turismo definito come sostenibile, ovvero a basso impatto sull’ambiente, sta molto a cuore al Comune di Napoli tanto che sul sito dello stesso si possono leggere parole che incentivano ad un turismo che rispetti l’ambiente e in esteso anche l’essere umano in quanto parte integrante dello stesso. Oggi però il turismo sostenibile è qualcosa che viene incentivato da moltissimi comuni a partire dal Sud Italia per arrivare fino al Nord perché tale tematica è grandemente sentita visti gli sconvolgimenti climatici che la storia ci consegna e che in buona parte sono dipesi da un tipo di sviluppo che ha trattato la natura come un deposito.
Se si decide di fare un escursus sul tema si scoprirà che navigando in rete blog e siti che trattano di questo argomento e in generale dell’eco-sostenibilità anche non connessa al turismo, sono davvero molti. Ma a fare la parte del leone nelle tematiche ambientaliste e dell’eco-sostenibilità sono certamente i gestori di blog che sia su wordpress sia su blogger, criticano, discutono, fanno domande, rispondono, esprimono opinioni sul tema del turismo sostenibile e sulla sostenibilità ambientale in generale. Ovviamente sono poi i sindaci e i le Regioni a dover compiere azioni – assieme a tutta la popolazione – che evitino consumo di territorio, inquinamento e molte altre cose al fine di poter perseguire l’obiettivo di amare la nostra terra, nutrendola e consentendoci di ristabilire con essa un rapporto che non la offenda, proponendo e mettendo in piedi anche iniziative – perché no? – sul piano turistico specie ora che l’estate è nel pieno e che molte persone si preparano a partire per le vacanze e scegliere uno dei tanti B&b di Napoli centro storico.
Napoli certamente ci mette del suo, lo si legge anche nei percorsi che il Comune stesso consiglia e promuove, quindi se avete scelto tale città per le vostre vacanze date un occhiata anche al sito del Comune.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Come far passare la febbre

A chi non è capitato di avere la febbre? Da bambini o da adulti, purtroppo può succedere che si manifesti un aumento della temperatura corporea, causato da vari fattori e non è sempre necessario ricorrere al medico, ovviamente nei casi meno gravi.

Come far passare la febbre? Ecco dei semplici consigli.

La febbre è un sintomo che si può curare con cautela per cercare di non impedire al sistema immunitario di eseguire il proprio lavoro, e non in tutti i casi per abbassare la febbre è necessario l’assunzione di farmaci.

Ecco come far passare la febbre seguendo un’alimentazione corretta.

E’ saputo che quando si ha la febbre si possa avere inappetenza, quindi è consigliabile ascoltare il proprio corpo, senza però smettere di mangiare, assumendo cibi facilmente digeribili.

E’ bene coprirsi per far passare la febbre?

Solitamente si crede che per far passare la febbre velocemente sia consigliabile coprirsi molto. In realtà è preferibile che circoli più aria vicino al corpo e sulla pelle sudata e maggiormente efficace risulterà il processo di raffreddamento per evaporazione. Per questo avviene la sudorazione, la pelle ed i vasi sanguigni che stanno in superficie vanno a raffreddarsi quando l’aria nell’ambiente va a fare evaporare l’umidità. Quindi se si ci siede davanti ad un ventilatore non azionato ad un’elevata velocità, si accelera tale processo, si riduce così la febbre.

L’importanza di un’adeguata idratazione per far passare la febbre

Per evitare di perdere i liquidi occorre avere una buona idratazione, è consigliabile quindi, bere tanta acqua.

E’ altresì importante essere paziente e controllare in modo periodico la temperatura, in generale la febbre tende a sparire entro due o tre giorni. Occorre avere pazienza quando è lieve oppure moderata per pochi giorni ed è consigliabile misurare la temperatura ogni 2 o 3 ore in modo da assicurarsi che non salga eccessivamente.

Fare bagno o doccia fredda.

In caso di febbre per far diminuire la temperatura del corpo è consigliabile fare un bagno o una doccia con acqua tiepida o fresca per circa 10-15 minuti.

In alternativa è bene prendere una spugna o un panno pulito, immersi nell’acqua fresca, strizzarli per eliminare il liquido eccessivo e applicalo sulla fronte come un impacco. Eseguire questa operazione ogni venti minuti fino a quando la febbre non sarà abbassata.

Infine un’altra opzione consigliabile è quella di fare degli spruzzi di acqua fresca distillata direttamente sul corpo ogni mezz’ora circa per abbassare la febbre. I migliori risultati si ottengono in particolare bagnando il viso, il collo ed anche la parte superiore del petto.

In caso di febbre quindi, è possibile con piccoli accorgimenti far cessare questo sintomo, senza ricorre a farmaci, qualora non ci si trovi in gravi casi di salute.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Andrea Damante: una scelta sempre più vicina

Mentre le fan contano sulle dita di una mano le pochissime puntate che le separano dalla scelta di Andrea nel trono classico, il ragazzo si lascia andare a un’intervista esclusiva al settimanale Visto, in cui rivela molto di sé e della sua possibile scelta. Andrea ammette di desiderare con forza l’inizio di una vita di coppia seria, poiché da molto tempo è ormai costretto alla solitudine. La sua difficoltà, stando alle sue parole, starebbe nella timidezza e nell’impaccio che prova ogni volta che il suo cuore batte per qualcuna.
Proprio questi sentimenti si frappongono tra lui e la conquista della persona del cuore. Nel frattempo lo studio di Maria De Filippi si fa sempre più infuocato e l’atmosfera si accende tra le corteggiatrici che sono ben consapevoli dell’avvicinarsi della scelta di Andrea. Tuttavia le ragazze adottano tecniche diverse. Giulia, incalzata da alcune domande di Maria, ammette che, nel caso in cui Andrea la dovesse scegliere, la sua risposta sarebbe comunque affermativa, nonostante gli accadimenti delle ultime puntate.
A sua volta Laura, posta di fronte alla stessa domanda, risponde che direbbe sì ad Andrea ma ammette di non essere innamorata di lui. Questa risposta spiazza tutti, in primis Andrea, che aveva dato a tutti la sensazione di essere davvero vicino a una scelta nei suoi confronti. Forse Laura si è spaventata, forse non è sicura della scelta di Andrea o forse la sua è semplicemente una tattica per attirare ancora più a sé il ragazzo.
Quel che è certo è che a pochissime puntate dalla scelta, tutte le soluzioni sono ancora possibili e che i piani sono tutti completamente scombinati. Andrea è alla ricerca una donna che gli tenga testa e che lo segua alla sua stessa velocità, forse non è un uomo disposto ad accettare i tentennamenti eccessivi, o forse invece sarà proprio questa schiettezza a farlo cedere? Staremo a vedere!
Fonte: http://anticipazioni.org/uomini-e-donne

Pubblicato in blog | Lascia un commento

La cessione del quinto della pensione

La Cessione del Quinto, un tempo riservata soltanto ai lavoratori di tipo dipendenti, è stata estesa quale diritto anche ai pensionati dalla Legge 80/2005 e relativo DM313 del Dicembre 2006.

La cessione del quinto è una particolare tipologia di prestito personale che si estingue tramite cessione di quote il cui importo non può essere superiore a un quinto dell’ammontare dello stipendio o della pensione, valutati al netto di ritenute. Ai fini del rimborso del prestito, possono essere cedute le pensioni, gli assegni di invalidità e le pensioni di vecchiaia erogate dagli Enti pensionistici così come indicato nella nuova normativa. In questa guida scopriremo come funziona la cessione del quinto della Pensione Inps.

Accesso al prestito, quali requisiti

Per accedere al prestito, non è necessario che il pensionato motivi la propria richiesta e non deve essere valutata l’affidabilità finanziaria del richiedente. Anche in presenza di debiti in corso o di pensionati iscritti nelle banche dati protesti e insoluti, è possibile accedere al finanziamento.

Non possono invece essere cedute pensioni con più titolari e pensioni con un ammontare netto inferiore a 530 Euro. Altra restrizione è quella del limite di età, fissato a 90 anni sia per gli uomini che per le donne, soglia entro cui il prestito deve terminare, ma nel panorama dei prestiti si tratta di un limite difficilmente raggiungibile dalle altre tipologie di prodotti finanziari.

Caratteristiche della cessione del quinto Inps e modalità di rimborso

I prestiti con cessione del quinto della pensione hanno una durata massima consentita di 120 mensilità, mentre il periodo minimo in genere non è inferiore ai 24 mesi. La valutazione del termine massimo di durata del prestito dipende comunque dalle condizioni contrattuali o pensionistiche di chi ne fa richiesta, in quanto la determinazione del termine massimo di durata del prestito è subordinata al termine del rapporto di lavoro e al pensionamento.

Nella cessione del quinto della pensione il rimborso avviene tramite trattenuta della rata direttamente dalla retribuzione percepita, riducendo in maniera drastica eventuali rischi di insolvenza volontaria del debitore. L’alto livello di garanzie a favore della società finanziaria erogante determina la possibilità di offrire delle condizioni più convenienti per il cliente, con dei tassi di interesse più bassi rispetto al prestito classico.

Richiedere la cessione del quinto della pensione online

Scegliere di inoltrare online la propria richiesta di prestito con cessione del quinto comporta un notevole risparmio di tempo nella fase di ricerca dell’offerta migliore e permette di ricevere in breve tempo l’esito, con la possibilità di richiedere preventivi, consultare informazioni e accedere a servizi di supporto online gratuitamente.

Una volta inoltrata la richiesta di preventivo con le informazioni sul finanziamento, verrà comunicata la migliore proposta di finanziamento, gratuitamente e senza alcun impegno, generalmente tramite email o per telefono.

Se il preventivo sarà ritenuto interessante e si darà il proprio consenso a procedere con l’iter di concessione del prestito, verrà accertato il possesso di tutte le caratteristiche necessarie per l’accesso al prestito, richieste eventuali ulteriori informazioni e la documentazione necessaria all’istruzione della pratica ai fini della pre-approvazione. Una volta valutata la fattibilità dell’operazione, verrà inoltrata al richiedente tutta la modulistica da compilare e firmare.

Dopo una verifica della documentazione prodotta e del contratto, lo stesso sarà notificato all’ente pensionistico di appartenenza. Nel caso di cessione del quinto della pensione Inps, per esempio, in attesa di un apposito regolamento che definisca in maniera compiuta la disciplina delle cessioni, l’istituto ha emanato – visto il lasso di tempo che intercorre dalla notifica per alcuni contratti – delle disposizioni per agevolare il lavoro delle varie sedi a procedere ad alcune verifiche preliminari che prevedono l’invio al pensionato di comunicazioni in merito alla cedibilità della prestazione e all’importo cedibile, e una richiesta di eventuale disconoscimento del consenso alla cessione del quinto a suo tempo sottoscritto con la finanziaria di riferimento.

Ricevuto il benestare dall’ente, sarà erogata la somma del finanziamento attraverso assegno o bonifico bancario e il rimborso avverrà secondo quanto sancito in materia di prestiti con cessione del quinto per pensionati.

In genere dalla firma del contratto alla consegna del saldo trascorrono dai 15 ai 20 giorni.

Pubblicato in blog | Lascia un commento

Una giornata al Valmontone Outlet

Visitare un centro commerciale è sempre una sorpresa e quindi un sabato ho deciso di andare al Valmontone Outlet.

Entrando dall’ingresso principale tutto è perfetto e pulito si capisce subito che siamo arrivati in America. La riproduzione degli edifici e le architetture sono molto colorate e curate nei particolari; è un piacere passeggiare nei viali sotto la luce dei lampioni e tra le vetrine.

I bambini possono scorrazzare di qua e di là e tua mia moglie può immergersi libera in tutte le vetrine mentre tu ti dedichi a quelle sportive. L’atmosfera che si respira è serena e rilassata. Non devi preoccuparti dell’incolumità dei tuoi figli, non ci sono pericoli e puoi lasciare che tua moglie sfoghi tutta la sua voglia di shopping tra 180 punti vendita di tutte le marche. Attenzione però a lasciargli la carta di credito!

Non mancano poi i negozi per i più piccoli pieni di giochi accattivanti. Perchè no, fai qualche foto divertente sfruttando le scenografie presenti e inviale sulla tua pagina Facebook restando sempre connesso a internet sfruttando la rete wifi offerta gratuitamente dal centro commerciale.

Gira e rigira, devi fare ancora un regalo ma deve essere “giovane”, meno male che c’è “Camomilla” con le sue esposizioni da favola; ma é ancora tempo di sfoggiare un nuovo costume per il mare non ci resta che entrare da “Calzedonia” o da “Lovable”.

Qui si trova ogni tipo di occasione per ogni gusto a prezzi vantaggiosissimi outlet. Quando si esce da qui non si è mai a mani vuote..garantito.Tutto questo shopping certo che stanca, è l’ora di riposarsi e rifocillarsi. E’ difficile scegliere tra tanti punti ristoro ma a vincere il confronto è sicuramente un pasto fugace presso il fast food “Burger King” dovi i tuoi figli possono scegliere tra vari tipi di panini e continuare a giocare.

Sarebbe stato bello poter gustare un piatto tipico in un bel ristorante ma la crisi ha imposto un budget limitato e improntato all’acquisto di generi indispensabili e improrogabile quindi un buon panino può bastare.

La giornata è stata piena e si è fatto tardi, e’ ora di prepararci per tornare a casa. Se hai parcheggiato la tua auto in uno dei parcheggi ricordati bene la sua posizione e preparati a metterti in coda con tutti gli altri che hanno avuto la tua stessa intenzione.

Ricorda che a pochi metri c’è il parco di divertimento “Magic Rainbow” e se la tua uscita coincide con la chiusura del parco.. buon divertimento.

Ma se non sei un amante dell’auto e non ti piace dover pensare al traffico, sali a bordo del “The Fashion Bus” che ti aspetta fuori dal centro e preparati a rientrare a Roma Termini tranquillamente seduto su un bellissimo autobus tutto dipinto.
Ovviamente la navetta non c’è tutti i giorni ma solo il sabato, domenica, martedì e giovedì. Bisogna dire che il centro commerciale, come ogni outlet, è all’aperto quindi è conveniente visitarlo in primavera o in autunno per evitare giornate troppo calde o troppo fredde e piovose.

E’ stata una giornata diversa dalle altre, una breve vacanza vicino a casa, all’aria aperta in cerca di un affare da non spendere un capitale. Una gita sicuramente da rifare e da consigliare. Chissà la prossima volta portiamo anche i nonni così potranno giocare con i nipotini e passeggiare senza fretta in un paese magico.

Pubblicato in blog | Lascia un commento